il Nov 23, 2015 in |

Biologico sì, biologico no? Detrattori o favorevoli? Il meglio sarebbe consapevoli.
Prima del 1991, in Europa c’è chi lo chiamava biologico, chi organico, chi naturale. Poi la Comunità Europea ha emesso un regolamento, valido su tutto il territorio europeo, che ha stabilito che si chiamasse “biologica” un tipo di agricoltura. Basandosi sull’esperienza di tanti pionieri, questo tipo di agricoltura non prevede l’utilizzo di mezzi tecnici (pesticidi, concimi, …) di origine chimica, come ad esempio i famigerati pesticidi chimici.

il Nov 23, 2015 in |

Sempre più persone sono allergiche o intolleranti a uno o più alimenti. La sensibilità a questo argomento è sempre più diffusa se è vero come è vero che sempre più spesso i menù dei ristoranti riportano le indicazioni per chi è allergico o intollerante a determinati alimenti. Certo per chi è intollerante al glutine, ad esempio, non è facile districarsi tra gli scaffali del supermercato, ma qualche passo avanti è stato fatto.
Innanzitutto distinguiamo le due cose: l’allergia è una malattia del sistema immunitario che provoca manifestazioni di tipo localizzato come

il Ott 30, 2015 in |

“Avere sale in zucca”, “Il sale della vita”, “Voi siete il sale della terra”: quante espressioni popolari e della nostra cultura associano il sale a componente qualificante ed estremamente positiva! Ed è stato così prezioso fin dall’antichità che ancora oggi chiamiamo “salario” il compenso di un lavoro manuale. Eppure, quante volte abbiamo sentito dire che il sale fa male e che bisogna eliminarlo dalla nostra dieta perché dannoso?
E allora, cosa dobbiamo fare in cucina? Come ci dobbiamo comportare per le nostre diete? L’OMS, l’organizzazione mondiale della sanità,

il Ott 30, 2015 in |

Crudo o cotto?
Si fanno sempre più largo i sostenitori del consumo a crudo. Ci sono senz’altro delle motivazioni serie: ad esempio, l’utilizzo del burro crudo per condire una pasta è un’ottima scelta perché pur essendo ricco di acidi grassi saturi è altrettanto ricco di vitamina D, indispensabile per il nostro organismo. In sostanza, un vantaggio. Ma se cominciamo a scaldarlo, gli acidi grassi saturi, di per sé neanche così dannosi, si trasformano nella loro forma “trans” e il “grasso” diventa deleterio.